Leo Club Voghera

Anno Sociale 2019-2020


Fotografia

"Progetto Guida Sicura"

Nelle giornate del 25, 26 e 27 Ottobre 2019, presso il Centro Commerciale Montebello di Montebello della Battaglia, i Lions e Leo Clubs della 2°Circoscrizione Zona B hanno allestito una postazione con materiale illustrativo ed informativo per far conoscere le numerose iniziative dell’Associazione più grande del mondo nell’ambito del“Progetto Guida Sicura”, organizzato dalla Direzione Inail di Pavia e dalla sezione della Polizia Stradale di Pavia.
Si è trattato di un incontro informativo gratuito, destinato ai lavoratori, alle scolaresche – ma aperto anche ai visitatori del Centro Commerciale – dedicato alla sicurezza stradale ed alla prevenzione degli incidenti.
Alla manifestazione ha partecipato, oltre a personale qualificato della Polizia Stradale di Pavia, con il simulatore di guida “Naked Plus”; il Pullman Azzurro della Polizia di Stato, la Lamborghini Huracan, usata principalmente per il trasporto degli organi, ed auto e moto storiche della Polizia di Stato.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"La cena dei Portici" dei Lions Clubs Vogheresi
A favore della Fondazione Genitori per l'Autismo Onlus di Cascina Rossago

Dopo il successo delle due precedenti edizioni, mercoledì 18 Settembre u.s., i Lions Clubs vogheresi (Host, La Collegiata, Castello Visconteo, Ultrapadum e Leo), in collaborazione con Acol e Ascom e con il patrocinio del Comune di Voghera, hanno riproposto la “Cena dei Portici”, nata da un’idea del Lions Alessandro Menini e Martina Fariseo del Leo Club, con l’intento di valorizzare i portici di Piazza Duomo, trasformandoli in una location suggestiva per un evento benefico, che ha visto una grande ed entusiastica partecipazione e la presenza del Governatore Lions, Angelo Chiesa; del 1° Vice Governatore, Cesare Senzalari; del 2° Vice Governatore, Raffaella Fiori e di autorità civili e militari.
Scopo della serata: raccogliere fondi a sostegno della Fondazione Genitori per l’Autismo Onlus di Cascina Rossago, che aiuta famiglie con ragazzi non autonomi ed è, come ha ricordato il Sindaco di Voghera, Carlo Barbieri, una struttura d’eccellenza del nostro territorio; proprio per questo motivo ha voluto ringraziare i Lions Clubs per quest’opera di sensibilizzazione presso la cittadinanza.
A seguire ha preso la parola il Presidente di Zona, Andrea Angeleri, che ha menzionato le attività principali che i Lions svolgono a favore della comunità.
Va inoltre ricordato che quest’evento, oltre al fine benefico, ha voluto incentivare le attività commerciali vogheresi, tanto che, nel corso della serata, resa ancora più vivace dal sottofondo musicale del duo “Nico e Franz”, si è assistito ad un “flash” sulle nuove tendenze della moda autunno-inverno 2019/2020 dei negozi aderenti all’iniziativa, i cui capi sono stati indossati da graziose testimonials.
Al termine la Prof.ssa Carla Torselli, Socia Fondatrice e Presidente della Fondazione Genitori per l’Autismo, ha espresso il suo vivo ringraziamento per questo importante contributo ed ha ricordato che Cascina Rossago è nata nel 2002 come struttura pilota in Italia specificamente studiata per adulti con autismo sull’esempio delle “farm community”. L’idea di base è stata quella di creare un contesto di vita tarato sulle esigenze dei giovani pazienti, infatti l’ambiente agricolo, a differenza di quello cittadino, fonte di iperstimolazione, stress ed ulteriore chiusura, è per sua natura più stabile, semplice, ma comunque ricco di situazioni e stimoli significativi, fattori che contribuiscono ad intaccare il muro d’isolamento che è caratteristica fondamentale dell’autismo. L’inserimento in ambiente adatto ed il sostegno di personale specializzato, offrono agli ospiti la possibilità di sviluppare le loro capacità e raggiungere maggiori livelli di autonomia ed abilità personali; si tratta di sostenerli in un percorso verso una nuova realtà condivisa dai famigliari con cui s’instaura un rapporto di stretta collaborazione e scambio. Cascina Rossago è un luogo per crescere ed acquisire una progressiva indipendenza dalla famiglia, in vista del “dopo di noi” che comunque verrà.

Evelina Fabiani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page