Lions Club Voghera Host

Lions Club Voghera Host

Anno Sociale 2018-2019


Fotografia

Gita culturale al Vittoriale degli italiani

Sabato 18 maggio scorso un numeroso gruppo di soci del LIONS CLUB VOGHERA HOST e loro familiari, guidato dal Presidente del Club, Fabio Milanesi, ha visitato a Gardone Riviera il Vittoriale degli Italiani, il celebre complesso monumentale che è stato l’ultima dimora di Gabriele D’Annunzio.
Il gruppo è stato ricevuto all’arrivo dal noto scrittore e storico Giordano Bruno Guerri, Presidente della Fondazione che gestisce il Vittoriale, il quale ha porto i saluti di benvenuto.
La giornata è proseguita con la visita degli affascinanti e suggestivi ambienti all’epoca abitati da D’Annunzio e del meraviglioso insieme di installazioni, opere d’arte, giardini e corsi d’acqua che costituiscono l’intero complesso, situato in una posizione panoramica affacciata sul Lago di Garda.
Una esperienza dunque senz’altro da consigliare, sia per l’indubbio interesse culturale che per lo splendido scenario paesaggistico e naturale.

Enrico Girani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Meeting sul giornalismo d'inchiesta

Il Lions Club Voghera Host, guidato dal Presidente Fabio Milanesi, ha organizzato giovedì 23 maggio u.s. presso il Castello di San Gaudenzio, un meeting improntato al giornalismo d’inchiesta.
Relatore della serata il noto scrittore e giornalista investigativo vogherese Leo Sisti che, da anni, si occupa di argomenti quali economia, finanza, corruzione e terrorismo, e che nel 2017 ha vinto il prestigioso Premio Pulitzer per l’inchiesta conosciuta come “Panama Papers”, con la quale ha contribuito a smascherare alcuni dei più grossi scandali finanziari degli ultimi anni.
Nel corso della serata Leo Sisti ha presentato il suo ultimo libro intitolato “Il paradiso dei ricchi”, in cui illustra la sua ricerca sugli accordi fiscali che alcuni stati dell’Unione Europea, quali Lussemburgo, Olanda e Irlanda, hanno stretto con grosse multinazionali, garantendo loro un trattamento fiscale agevolato, con aliquote anche inferiori all’1%, per favorire lo spostamento delle attività di queste società in tali stati.
Il relatore ha, dunque, evidenziato come tale sistema abbia creato, in maniera peraltro legale, una distorsione della concorrenza all’interno dell’Unione e abbia sottratto risorse fiscali per vari miliardi di euro.
Il tema affrontato è stato lo spunto per un interessante dibattito tra i presenti sul futuro dell’Unione Europea e sulle effettive prospettive di cambiamento delle istituzioni comunitarie dopo le elezioni europee.
E’, infatti, evidente che problemi quali l’armonizzazione delle normative fiscali e relative al costo del lavoro dovranno certamente essere affrontati dai rinnovati organismi comunitari, se questi vorranno che l’Unione Europea sia veramente una “casa comune” in cui tutti i cittadini possano riconoscersi e non, invece, solo un’istituzione nella quale prevalgono spesso egoismi e interessi particolari dei singoli stati.

Enrico Girani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Incontro con il Dott. Stefano Zurlo

Venerdi 5 aprile scorso presso il Ristorante Selvatico in Rivanazzano Terme si è tenuta una serata conviviale del LIONS CLUB VOGHERA HOST, guidato dal Presidente Fabio Milanesi, alla quale hanno partecipato numerosi soci ed ospiti.
Era presente alla serata quale relatore il Dott. Stefano Zurlo, noto giornalista del quotidiano “Il Giornale” nonchè conduttore e ospite di varie trasmissioni televisive e radiofoniche, il quale ha presentato il suo ultimo libro dal titolo “Quattro colpi per Togliatti. Antonio Pallante e l’attentato che sconvolse l’Italia”, un libro intervista sul tentato assassinio di Palmiro Togliatti del 14 luglio 1948.
Stefano Zurlo ha raccontato di come sia riuscito a rintracciare e a intervistare a Catania proprio quell’Antonio Pallante, ormai ultranovantenne, che quel giorno sparò quattro colpi di pistola al leader dell’allora Partito Comunista Italiano, ed ha rievocato il clima drammatico di quei giorni, quando l’Italia, dopo l’attentato, sembrò sull’orlo di una guerra civile, scongiurata non solo dagli inviti alla calma dello stesso Togliatti dal letto d’ospedale e al massiccio impiego di polizia disposto dal Ministro dell’Interno Scelba, ma, secondo molti, anche dalla straordinaria impresa sportiva di Gino Bartali che, vincendo il Tour de France, contribuì non poco a distrarre e calmare gli animi degli italiani.
Zurlo ha concluso la sua brillante e coinvolgente rievocazione affermando di ritenere, anche sulla base della ricostruzione fattagli dallo stesso attentatore, che Pallante, all’epoca studente universitario contrario alle idee e all’attività del PCI, abbia agito da solo, senza complici, dopo avere deciso di eliminare fisicamente colui che più di tutti rappresentava la parte politica a lui avversa, dando però atto come tale tesi non sia ancora del tutto condivisa dagli storici.
Il racconto di Zurlo è stato anche l’occasione per un appassionato dialogo con i presenti su altri periodi della storia italiana, dagli “anni di piombo” a “Mani pulite”, sino alle vicende dei giorni nostri e agli interrogativi su cosa potrà cambiare nella politica italiana dopo le prossime elezioni europee.

Enrico Girani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Domenica 7 Aprile, a Voghera, in Piazza Duomo, i Lions Clubs: Voghera Host, Voghera La Collegiata, Castello Visconteo, N.C. Ultrapadum Ticinum e Leo Club hanno organizzato screenings gratuiti della vista e dell’udito grazie alla disponibilità e professionalità degli specialisti delle Unità Operative di Oculistica, diretta dal Dott. Gianluigi Bolognesi, e di Otorinolaringoiatria, diretta dalla Dott.ssa Laura Lanza, dell’Ospedale Civile. Più di 100 vogheresi, sfidando la pioggia, si sono sottoposti, a bordo della Clinica Oftalmica Mobile dell’Associazione “Prevenzione è Progresso” e dell’Ambulatorio Mobile del Comitato Locale della Croce Rossa, sia agli accertamenti oculistici, eseguiti con attrezzature innovative, per l’individuazione di sospette patologie, con particolare riguardo al glaucoma, sia alle visite audiometriche per misurare la soglia minima di udibilità, permettendo così di individuare la presenza di eventuali anomalie e deficit uditivi.
Vista la grande affluenza sono stati richiesti contatti a chi non ha potuto usufruire dei controlli in mattinata, pertanto queste persone verranno richiamate nei prossimi giorni per accedere comunque allo screening gratuito in ospedale.
A coronamento di questa giornata i giovani del Leo Club hanno raccolto fondi offrendo uova pasquali il cui ricavato andrà a favore di un progetto che ha l’obiettivo di donare alle strutture didattiche cittadine attrezzature per i laboratori creativi, tecnologici e sportivi.
Tutti gli eventi sono stati ampiamente pubblicizzati sia sulla stampa locale che sul web.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Conferenza del vaticanista Dott. Accattoli sul tema "Dove nasce e cosa insegna il conflitto su Papa Francesco"

E’ stato il Dott. Luigi Accattoli, storica firma del “Corriere della Sera”, scrittore di successo, conferenziere e decano dei vaticanisti italiani, l’ospite e prestigioso relatore della serata conviviale del Lions Club Voghera Host, che si è tenuta nella splendida cornice del Castello di San Gaudenzio lo scorso 8 Marzo.
Il dott. Accattoli, introdotto dal Presidente Fabio Milanesi, ha tenuto un’interessante ed apprezzata relazione sul tema “Dove nasce e cosa insegna il conflitto su Papa Francesco”.
Secondo il relatore questo conflitto nasce da tre fonti principali: si tratta di un Papa Riformatore; di un Papa che con il proprio linguaggio modifica la figura del Capo della Chiesa; di un Pontefice che esprime le proprie opinioni con parresia, cioè con libertà e franchezza.
In particolare si è riflettuto sulla volontà di Francesco, quale Riformatore, di “inculturare” il Cristianesimo nell’umanità post moderna del III Millennio.
A conclusione dell’intervento, l’analisi delle origini e delle ragioni di questo dissenso ha permesso al dott. Accattoli di indicare cosa questo conflitto insegna: i Papi non italiani (Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI, Papa Francesco) sono portatori di grandi novità; i contrasti sulla figura papale vanno considerati seriamente e, come la storia della Chiesa insegna, sono utili e non devono essere temuti.
Numerosi sono stati i partecipanti, tra ospiti e Soci, che hanno avuto modo di riflettere su questo tema di grandissima attualità ed interesse.

Maria Giacomina Libardi

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Lions Day
Fotografia
Nella foto: da sinistra Fabio Milanesi, Presidente del L.C. Voghera Host; Prof. Marco Barbisotti, Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo di Via Dante insieme agli alunni premiati

Premiazione del concorso "Un Poster per la Pace" 2019

Sabato 9 Marzo 2019 nell’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo di Via Dante in Voghera, in occasione della cerimonia organizzata dalla scuola per l’assegnazione dei premi delle “eccellenze” (studenti che nell’anno scolastico 2017/2018 si sono distinti per merito nelle varie attività scolastiche) si è tenuta anche la premiazione degli studenti delle classi terze che hanno partecipato al concorso “Un Poster Per la Pace”, sponsorizzato, come ogni anno, dal Lions Club Voghera Host, dal titolo “La Solidarietà è importante”.
Il Prof. Marco Barbisotti, Dirigente Scolastico, ha aperto l’evento con un caloroso saluto a tutti i presenti; ha preso poi la parola la Referente del Club, Loredana Tosolini, che ha brevemente commentato il significato del titolo del concorso; in seguito è intervenuto il Presidente del Lions Club, Fabio Milanesi che ha esposto l’importanza lionistica e le finalità dell’iniziativa ed ha premiato con parole di elogio i vincitori.
Tra i 130 elaborati degli studenti, che hanno dimostrato sensibilità umana ed artistica nell’esecuzione grafica del tema, sono stati scelti: primo premio di trecento euro è andato a Laura Condello (III G); cinque premi da cento euro sono andati a: Sofia Cucchi (III I), Alessia Cigagna (III E), Chiara Caiazzo (III E), Sofia Pastine (III C) e Marta Ravetta (III E) e ad altri quattro alunni sono stati consegnati diplomi di partecipazione. Inoltre un attestato, fuori concorso, è stato dato all’elaborato di Zhou Boy per l’originalità e la tecnica esecutiva.
Al termine il Presidente, Fabio Milanesi, ha espresso un sentito ringraziamento al Dirigente Scolastico ed agli insegnanti di Educazione Artistica che hanno seguito con costante attenzione il lavoro dei ragazzi e, in particolare, alla Prof. Elisabetta Migliorini per l’entusiasmo e l’impegno dedicati alla riuscita di questo evento.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"Le scelte di una comunità lette attraverso la legge: l'esempio del bilancio italiano"

Nella splendida cornice del Ristorante “Selvatico” di Rivanazzano Terme, nei giorni scorsi, si è tenuta una serata conviviale del Lions Club Voghera Host guidato dal Presidente dott. Fabio Milanesi alla quale ha partecipato come ospite e prestigioso relatore il dott. Jean Marie Del Bo, vicedirettore del “Il Sole 24 ore” che ha tenuto una conferenza sul tema “Le scelte di una comunità lette attraverso la legge: l’esempio del Bilancio Italiano”.
E’ stata l’occasione per riflettere, così come ha sottolineato il relatore in apertura di serata, su come e quanto le scelte del legislatore rispondano alle richieste dell’opinione pubblica e sul prezzo che i governanti debbano pagare, in relazione al carattere e alle opzioni scelte, alla creazione del consenso.
Nello specifico, in relazione alla Legge di Bilancio in approvazione, che dovrebbe caratterizzare il cosiddetto “periodo del cambiamento”, frutto di quanto sostenuto in campagna elettorale e sancito dal “Contratto di Governo”, il relatore si è soffermato ad esaminare quattro punti caratterizzanti: le sanatorie fiscali, la flat tax per gli autonomi, l’intervento previsto sulle pensioni e il reddito di cittadinanza.
In conclusione si è brevemente riflettuto su due aspetti che non rientrano strettamente nella Legge di Bilancio ma che hanno un’incidenza significativa sul modello di comunicazione del Governo: la questione Sicurezza e il Rapporto Italia – Unione Europea.
Tantissimi sono stati i partecipanti alla serata, ospiti e Soci, che hanno avuto l’occasione di riflettere su un tema di grandissima attualità anche in relazione al vivace dibattito sull’economia italiana di queste ultime settimane.

Maria Giacomina Libardi

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Giovedì 7 febbraio scorso si è tenuta una serata conviviale del LIONS CLUB VOGHERA HOST, guidato dal Presidente Fabio Milanesi, alla quale hanno partecipato numerosi soci ed ospiti.
Prestigioso relatore è stato il Prof. Paolo Benazzo, Professore Ordinario di Diritto Commerciale presso l’Università di Pavia, il quale ha tenuto una interessante ed apprezzata relazione sul tema “Troppi diritti, pochi doveri?”, dialogando con i presenti su un aspetto particolarmente significativo della società contemporanea.
Partendo dal ricordo del tradizionale adagio ”prima il dovere e poi il piacere”, che esprime un fondamento della cultura che ci hanno tramandato i nostri nonni e genitori, il Prof. Benazzo ha evidenziato come oggi si viva al contrario in un’epoca in cui sono posti in primo piano i diritti e ove vengono invece relegati in una posizione marginale i doveri.
Il dovere viene infatti visto ormai come qualcosa di troppo faticoso e fastidioso per potere essere accettato nella tecnologica e individualista società contemporanea.
Nello stesso tempo il diritto non viene più percepito nel senso positivo di mezzo di tutela, ma diviene solo il presupposto per l’affermazione di una autorità individuale nei confronti degli altri, in una logica di conflitto e non più di solidarietà.
E’ evidente in questo cambio di prospettiva anche la conseguenza della crisi di quelle istituzioni quali la scuola, i partiti, la Chiesa, in cui si formava il senso di appartenenza di un individuo a una collettività.
Secondo il Prof. Benazzo è necessario allora recuperare questo senso di appartenenza, ridando al dovere la sua importanza, in una visione solidaristica di contributo a una comunità in cui per potere avere qualcosa è necessario anche dare, pur se questo inevitabilmente costa fatica e impegno.
Ricordando sempre che i diritti delle generazioni future sono scritti dai doveri di coloro che vivono il presente.
Una serata particolarmente interessante dunque, che ha offerto ai presenti tanti spunti di riflessione e commento.

Enrico Girani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

I Lions Clubs ed i Leo della Zona B della 2^ Circoscrizione impegnati nella prevenzione del diabete

Nell’ambito della Settimana Mondiale del Diabete, domenica 18 Novembre u.s., i Lions Clubs ed i Leo della Zona B della 2°Circoscrizione, in Piazza Duomo, a Voghera, usufruendo dell’Ambulatorio Mobile del Comitato Locale della Croce Rossa, si sono impegnati nella prevenzione di quest’insidiosa malattia, effettuando, sotto il controllo dei Lions Dr. Fabio Milanesi e Dr. Angelo Caporotondi, un centinaio di screenings gratuiti per la rilevazione della glicemia, eseguiti da personale medico e paramedico, e distribuendo materiale informativo.
Da 100 misurazioni è emerso che il 6% era consapevole di essere diabetico ; il 14% presentava valori di glicemia oltre il limite standard, mentre il restante 80% presentava valori nella norma.
Si tratta di una delle patologie in più rapida crescita nel mondo che attualmente colpisce 422 milioni di persone, per questo i Lions hanno voluto porre l’accento sull’importanza di un equo accesso alle cure per chi è malato o a rischio di svilupparla in futuro, perché investire nella prevenzione significa risparmiare in cure e ospedalizzazioni e, ovviamente, guadagnare in salute.

Evelina Fabiani

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Meeting sul tema "Troppi diritti, pochi doveri?"
Fotografia

Incontro con Willy Montini

Si è tenuta giovedì 8 novembre scorso presso il Ristorante Selvatico in Rivanazzano Terme una serata conviviale del Lions Club Voghera Host, guidato dal Presidente Fabio Milanesi, con la presenza di numerosi soci ed ospiti.
Alla serata ha partecipato quale relatore il famoso esperto di arte moderna e contemporanea Willy Montini, noto anche al pubblico televisivo per le sue trasmissioni sui canali di Sky.
Willy Montini ha dialogato con i presenti in modo brillante ed entusiasmante su un tema di indubbio fascino quale quello di come rapportarsi con un’opera d’arte.
Il relatore ha evidenziato come da sempre gli artisti operino sulla materia, sia essa una tela o altro, mettendo nella loro creazione il valore di un’idea e di un contenuto.
Chi guarda l’opera deve avere però un atteggiamento attivo, deve a sua volta aggiungere qualcosa di suo, perché l’opera reagisce a noi se noi reagiamo ad essa ritrasferendovi le emozioni che ci suscita.
L’opera dunque è viva solo se noi la viviamo e non ci limitiamo ad osservarla passivamente.
Allora, suggerisce Willy Montini, diventa questo il criterio per distinguere ciò che è vera arte da ciò che probabilmente non lo è, di fronte ad opere che ad un primo impatto sconcertano il pubblico.
Da sempre gli artisti hanno infatti realizzato opere che inizialmente sono sembrate una provocazione, basti pensare alle reazioni, anche violente, suscitate dai primi lavori degli impressionisti, tra tutti Manet con la sua celebre Olympia, o più recentemente, da alcune realizzazioni per esempio di Duchamp o, in Italia, di Piero Manzoni.
Secondo Willy Montini la vera opera d’arte è dunque quella che, anche a distanza di tempo, continua a suscitare emozioni, sentimenti, sensazioni in coloro che si pongono davanti ad essa, sempre in un’ottica di reciproco scambio tra opera e osservatore, ricordando che esprimersi attraverso l’arte è sempre stata una necessità dell’uomo destinata a non finire mai.

Enrico Girani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Serata sui trapianti d'organo

Giovedì 11 ottobre scorso presso il Ristorante Selvatico in Rivanazzano Terme si è tenuta la serata di apertura dell’annata 2018/2019 del Lions Club Voghera Host, guidato dal nuovo Presidente Fabio Milanesi.
Dopo i saluti del Presidente ai numerosi soci e ospiti presenti si è svolta la suggestiva cerimonia di ingresso nel Club del nuovo socio, Dott. Marco Zanini, titolare dell’omonima farmacia in Voghera.
Alla serata era presente come ospite il Prof. Antonio Dal Canton, Professore Ordinario di Nefrologia presso l’Università di Pavia, il quale ha tenuto una interessante ed apprezzata conferenza sul tema dei trapianti d’organo.
Il Prof. Dal Canton ha ripercorso la storia dei trapianti, dall’antichità ai giorni nostri, ricordando gli sviluppi scientifici e tecnici che si sono avuti a partire dai primi anni del secolo scorso, ed evidenziando come ancora oggi si riesca a far fronte solo al 10% delle necessità di trapianto.
Il relatore ha sottolineato come la sfida per il futuro sia dunque quella di potere aumentare il numero delle possibilità di trapianto, con un auspicato aumento del numero dei donatori e con lo sviluppo e il perfezionamento delle tecniche operatorie, contando anche sulla ricerca scientifica in tema di immunità e rigenerazione degli organi per potere ridurre i casi di rigetto.
Il Presidente Fabio Milanesi ha quindi invitato tutti i presenti a partecipare all’incontro che si terrà il giorno venerdì 19 ottobre p.v., alle ore 11, presso la sala del CRAL dell’Ospedale di Voghera.
In tale occasione sarà infatti presentato dalla Direzione dell’ASST di Pavia e dalle volontarie dell’ADOS -Associazione Donne Operate al Seno- il progetto “Una parrucca per le donne in chemioterapia”, che prevede la creazione di una piccola banca parrucche offerte dal Lions Club Voghera Host.
Tale progetto è stato fortemente sostenuto dal precedente Presidente del Club, Andrea Angeleri, ed è sponsorizzato grazie al ricavato di una serata benefica che si è tenuta la scorsa primavera.
Il Lions Club Voghera Host continua dunque la sua attività di servizio e di attenzione verso i concreti bisogni delle persone del nostro territorio.

Enrico Girani

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page