Lions Club Crema Host

Lions Club Crema Host

Anno Sociale 2019-2020


Fotografia

Intermeeting area tematica Ambiente

Venerdì 25 Ottobre, presso il Ristorante Nuovo Maosi, il Lions Club Crema Host, Lions Club Crema Serenissima, Leo Club Crema e U.C.I.D Sez. di Crema, si sono riuniti in un intermeeting dedicato ad un tema che in questo periodo è molto attuale nonché corollario di uno delle aree tematiche del Lions International (Salute - Giovani - Ambiente - Comunità-sport disabilità - Scuola) , ovvero l’Ambiente, dal titolo: “Cambiamenti climatici: il linguaggio della scienza e della narrazione fantastica”. Relatori della serata, il Dott. Emanuele Minniti, Ambientalista, e la Prof.ssa Emma Sangiovanni, Scrittrice. Presenti alla serata i Presidenti, del Crema Host Pierfranco Campari, del Serenissima Faustantonio Locatelli, del Leo Crema Federica Fadini, il Presidente UCID Crema Franco Agosti, il consulente ecclesiastico Don Pierluigi, il Presidente Onorario Giulio Mosconi, unitamente al Segretario nonché Vice Presidente Crema Host Riccardo Murabito, Consigliere delegato UCID Nino Caizzi, l’Assessore all’Ambiente-Commercio di Crema, Matteo Gramignoli,vari Presidenti della zona A 3 Circ.distretto 108ib3, il delegato di zona Paolo Doldi ,consorti, ospiti e amici.
La serata è iniziata con un aperitivo di benvenuto, durante il quale il Presidente del Crema Host, Pierfranco Campari, ha avuto modo di salutare e ringraziare tutti i presenti, oltre al presentare i due relatori della serata.
Al termine della cena, prima del caffè, il Presidente Campari ha ceduto la parola prima all’Assessore Ambiente di Crema Matteo Gramignoli, il quale ha sottolineato come nella città di Crema si siano attivate già diverse attività di bonifica a vantaggio dell’ambiente, a partire soprattutto dall’ultima grande modifica di Piazza Garibaldi (attualmente ancora in completamento), trasformandola da parcheggio caotico, in un nuovo salotto della città. Inoltre ha affermato che ci saranno, in futuro, altre operazioni a favore dell’ambiente, in particolare il progetto condiviso con i Comuni virtuosi che mira alla piantumazione di varie tipologie di piante al fine di una educazione ambientale.
La parola è stata poi ceduta al relatore della serata, Emanuele Minniti, il quale ha volto un discorso sui vari aspetti che provocano danni nel riscaldamento globale, al clima e di conseguenza all’ambiente. Ha inoltre raccontato il fenomeno di Greta Thunberg, la giovane ambientalista che si è attivata nel cercare di “salvare il pianeta”. Il Dott. Minniti ha inoltre mostrato due video tanto forti quanto significativi, su come dovrebbe agire le persone di fronte all’inquinamento e un altro dedicato a una specie di uccello, l’Albatros, che muore a causa della plastica che ingerisce dalla “famosa” isola di plastica (ammasso di oggetti di plastica scaricata nel mare) nell’oceano Pacifico. Il relatore ha concluso il suo intervento rivolgendo un messaggio di speranza a tutti i presenti per cercare, attraverso piccole azioni, di salvare il pianeta. In seguito, la Scrittrice Emma Sangiovanni, ha avuto modo di portare il suo contributo, parlando del suo ultimo libro “I colori dell’armonia”, una favola fantastica all’interno della quale i protagonisti sono tutti i colori e le loro varie sfumature. Prima di concludere la serata, la parola è passata al Presidente dell’UCID di Crema Franco Agosti, il quale, in primo luogo ha spiegato di cosa si occupa l’Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti, una unione morale di persone costituita per promuovere la conoscenza, la diffusione e l’attuazione della dottrina sociale della Chiesa. L’UCID intende favorire la crescita nell’impresa e nella società, dei valori di una vera comunità di persone nel rispetto della dignità di tutti i suoi membri.
In secondo luogo ha voluto ringraziare per l’invito I Presidenti dei Clubs, sottolineando che anche l’UCID si sta attivando per svolgere attività volte all’ambiente. La serata si è conclusa con i saluti e ringraziamenti da parte dei vari Presidenti presenti, ai soci e ospiti, per la partecipazione e condivisione all’intermeeting.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona e Lion Club Crema Host sponsor del restauro delle tele della Sagrestia dei Canonici della Cattedrale S. Maria Assunta per onorare Padre Alfredo Cremonesi

Le sei Tele esposte nella Sagrestia del Duomo di Crema sono le testimonianze di fede espressa da validi pittori lungo secoli di devozione a Maria. Con la nuova organizzazione espositiva acquisteranno una unità significativa.
L’iniziativa rivolta al recupero di Beni culturali di proprietà del Capitolo della Cattedrale, il cui Presidente è don Ersilio Ogliari, è un omaggio alla Beatificazione di Padre Alfredo Cremonesi, missionario cremasco ucciso in Birmania dai soldati governativi che si stavano ritirando dopo uno scontro con i ribelli, il 7 febbraio 1953.
Il Capitolo della Cattedrale ha voluto, con la riqualificazione della Sagrestia dei Canonici, offrire un segno tangibile della Diocesi di Crema a Padre Cremonesi, molto devoto alla Madonna.
Fondamentali per il restauro delle pregevoli Tele sono stati i contributi della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona, Presidente Dott. Cesare Macconi, del Lions Club Crema Host, Presidente Dott. Pierfranco Campari con la “Associazione “Solidarietà Clubs Lions 108 Ib3-Onlus”, di S. Ecc. il Vescovo Mons. Daniele Gianotti, oltre che elargizioni di alcuni Canonici e di privati.
Le tele centinate di grandi dimensioni, attribuite al pittore veronese Giovanni Brunelli (1644/46-1722), che ripercorrono la Vita di Maria: La Nascita, La Morte, L'Assunzione e L'Incoronazione, e le due tele della fine Cinquecento-inizio Seicento, raffiguranti La Madonna con Bambino e La Madonna del Pomo, che un inventario conservato nell’archivio capitolare le attribuirebbe a Carlo Urbino, ritorneranno dopo un impegnativo restauro conservativo, assieme ad un ex voto noto come il Miracolo di Quintano, datato 1747, realizzato a cura degli abitanti del paese  di Quintano quale ringraziamento per averli preservati da una peste bovina e un Cristo Crocifisso di autore ignoto, ad ornare la grande Sagrestia attigua all’Aula sacra.
Tutti i dipinti si presentavano in cattivo stato di conservazione; essendo in prima tela presentavano il supporto arido ed allentato su telaio fisso, situazione che col trascorrere del tempo aveva provocato un fitto reticolo di crettature con cadute di colore soprattutto dove vi erano deformazioni ed afflosciamenti del supporto. Una vernice ormai ossidata impediva la corretta lettura dell’immagine.
L’intervento di restauro conservativo, attuato con professionalità dalle restauratrici professioniste Elena Dognini, Mara Pasqui, Annalisa Rebecchi nel laboratorio di restauro e conservazione di Bottaiano di Ricengo, ha riportato le Tele ad una leggibilità originale, sono riapparsi i colori brillanti delle vesti che hanno movimentato le varie composizioni delle scene rappresentate e che il tempo aveva quasi cancellato.
Il restauro conservativo delle Tele della Cattedrale S. Maria Assunta, dopo il necessario Nullaosta di autorizzazione, sono state seguite con ripetuti sopralluoghi della Soprintendenza di Mantova dai Funzionari Dott. Filippo Piazza, storico dell’arte, e Dott. Aria Amato, restauratrice.
In accordo con S. Ecc. Mons. Daniele Gianotti, Vescovo di Crema, il Lions Club Crema Host con i Comitati Cultura ed Arte e Cittadinanza Umanitaria Attiva del Distretto 108 Ib3, organizzerà un Convegno in cui saranno analizzati e commentati i dipinti dopo i restauri.

Magda Franzoni

Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page