Lungopo lodigiano
12/06/2021
DONO DI UN FURGONE CON CELLA FRIGORIFERA

Con il contributo dei Lions Club della I^ Circoscrizione

  • L.C. Lodi Host
  • L.C. Lodi Torrione
  • L.C. Lodi Quadrifoglio
  • L.C. Codogno Casalpusterlengo
  • L.C. Sant’Angelo Lodigiano
  • L.C. Colli di San Colombano al Lambro
  • L.C. Lungopo’ Lodigiano
  • L.C. San Rocco al Porto e Basso Lodigiano

 

Un furgone dotato di cella frigorifera, destinato al recupero e alla redistribuzione delle eccedenze alimentari, questo il dono fatto alla Fondazione di Partecipazione “Casa della Comunità ETS” da otto club del Lodigiano, Lodi Host, Lodi Torrione, Lodi Quadrifoglio, Codogno-Casalpusterlengo, Sant’Angelo Lodigiano, Colli di San Colombano, Lungopo Lodigiano, San Rocco al Porto-Basso Lodigiano.

L’acquisto del mezzo è stato possibile grazie al contributo della LCIF ed il service è il risultato dell’interazione tra i Lions e la citata Fondazione “Casa della Comunità ETS”, nata a Lodi nel 2019 per contrastare la povertà in collaborazione con l’Associazione Progetto Insieme, l’Associazione Emmaus, la cooperativa Famiglia Nuova e il Movimento per la Lotta contro la Fame nel Mondo. Molti i soggetti coinvolti in quella che è davvero una grande catena della solidarietà. Il cibo fresco in eccedenza proviene infatti da piccoli imprenditori, dalla grande distribuzione organizzata, dalle aziende agroalimentari del territorio, da Enti pubblici e da privati cittadini, oltre ai Lions, naturalmente, in quella. Le eccedenze alimentari vengono recuperate tramite il Centro di Raccolta Solidale per il Diritto al Cibo (CRS), un'azienda logistica che provvede poi a distribuirle. Attualmente le persone raggiunte da questo servizio sono ben cinquemila, grazie ai due empori solidali di San Colombano al Lambro e di Casalpusterlengo, alle due mense, alle dodici comunità, alle sette case di accoglienza e ai quaranta centri di distribuzione gestiti dalla citata Fondazione lodigiana; a questi organismi si aggiungerà presto un nuovo emporio solidale, che verrà aperto a Lodi.
Si tratta dunque di una vera e propria rete di aiuti, destinata a una continua evoluzione per il costante aumento degli utenti, che vive e si alimenta grazie alla generosità di tanti: un bell’esempio di acquisita consapevolezza dei problemi della comunità.

M.L. 

19/05/2021
DONAZIONE DI DISPOSITIVI SANITARI ALLE USCA ED ALL'OSPEDALE

Service multicircoscrizionale relativo alla donazione di dispositivi sanitari alle USCA piacentine e al reparto di medicina interna e gastroenterologia dell'ospedale di Codogno.

 

Club aderenti al Service

IV Circoscrizione - Zona Unica (Presidente Franco Mori)

  • Lions Club Piacenza Host, 1° Capofila, proponente (Presiente Caterina Zurlo)
  • Lions Club Piacenza Ducale
  • Lions Club Piacenza Gotico
  • Lions Club Piacenza Il Farnese
  • Lions Club Piacenza S. Antonino
  • Lions Club Bettola Val Nure
  • Lions Club Bobbio
  • Lions Club Castel San Giovanni
  • Lions Club Rivalta Valli Trebbia e Luretta
  • Lions Club Val D’Arda

 

I Circoscrizione - Zona B (Presidente Maria Rosa Conti)

  • Lions Club Codogno Casalpusterlengo, 2° Capofila (Presidente Giuseppe Stringhini)
  • Lions Club Castelgerundo
  • Lions Club Lungo Adda Lodigiano
  • Lions Club Lungo Po Lodigiano
  • Lions Club Sant'Angelo Lodigiano
  • Lions Club Colli di San Colombano al Lambro
  • Lions Club San Rocco al Porto e Basso Lodigiano

 

Acquisto e donazione di ecografo palmare

Poiché l’ecografia al letto del malato è diventata una nuova frontiera nella medicina moderna, consentendo di risolvere rapidamente un quesito clinico senza dover spostare il paziente, si è ritenuto di effettuare la donazione di un ecografo palmare al reparto di Medicina interna e Gastroenterologia dell’Ospedale di Codogno. La miniaturizzazione delle apparecchiature a ultrasuoni ne ha ridotto le dimensioni a tal punto da essere strumenti costituiti da tablet o smartphone collegati wireless ad una sonda ecografica, che sta nel palmo di una mano. Per tale motivo tali apparecchiature vengono definite “ecografi palmari” (HANDHELD ULTRASOUND DEVICE HHUSD). L’indicazione di utilizzo è molto ampia: dalle situazioni d’emergenza, cardiologica, toracica addominale fino ad ogni ramo della medicina, anche quella cd. di “routine”, sia nei campi della diagnostica che in quelli di interventistica.
Nel 2020 la comparsa della pandemia del COVID-19 ha riportato alla ribalta tale metodica, che si è rivelata molto utile anche per la medicina territoriale, oggi, settore da potenziare.
Lo strumento sarà donato all’ospedale di Codogno, reparto di medicina interna e gastroenterolgia, oggi sprovvistone, guidato dal piacentino dr. Francesco Giangregorio, che molto si è distinto in tempo di pandemia nel rintracciamento e monitoraggio a domicilio dei pazienti, attività che ha avuto vasta eco anche sulla stampa nazionale.

 

Acquisto e donazione di saturimetri

Si è ritenuto altresì di donare 10 saturimetri, nello specifico a filo con sonda dito sterilizzabile, alle Unità Speciali di Continuità Assistenziale del territorio piacentino. Si tratta di uno strumento che consente di misurare, monitorare e valutare la saturazione di ossigeno dell'emoglobina presente nel sangue arterioso periferico e, contemporaneamente, di misurare anche la frequenza cardiaca.  E’ dispositivo di pronto utilizzo, molto utile, soprattutto -ma non solamente-in tempi di pandemia Covid, al monitoraggio costante del paziente in ambiente familiare senza necessità di ingresso in struttura ospedaliera.

 

Didascalie Foto

Foto 1 Piacenza: presenti il presidente di IV Circoscrizione, zona unica, Franco Mori, la presidente del Lions Piacenza Host, Caterina Zurlo, il presidente del LC Piacenza Gotico, Luciano Cantarini, e la drssa Anna Maria Andena, responsabile usca piacentine con suoi collaboratori.

Foto 2 Codogno: presenti il Governatore del Distretto Lions IB3 Cesare Senzalari, il presidente di IV Circoscrizione, zona unica, Franco Mori, la presidente di 1^ Circoscrizione, zona A, in sostituzione della presidente di zona B, Luisa Zanelli, la presidente del Lions Piacenza Host, Caterina Zurlo, il direttore generale ASST di Lodi dr. Salvatore Gioia, il dr Francesco Giangregorio, primario del reparto beneficiario.

 

30/04/2021
DA SAN PATRIGNANO... A LODI

La campagna di San Patrignano per la prevenzione delle dipendenze arriva a Lodi

 

La campagna di San Patrignano per la prevenzione delle dipendenze non si ferma e, grazie ai Lions della Prima Circoscrizione, arriva a Lodi per tenere alta l’attenzione sul problema della diffusione delle droghe tra i giovani. 
Venerdì 30 aprile, alcune classi dell’I.I.S. Pandini di Sant’Angelo Lodigiano e del Liceo Artistico Callisto Piazza di Lodi hanno potuto assistere alla proiezione online di “#Chiaroscuro, un reportage sulla fatica di crescere”, il nuovo strumento realizzato dalla comunità di San Patrignano per prevenire le dipendenze e dare continuità in modalità a distanza alla propria attività anche in tempo di Covid. Il progetto WeFree di San Patrignano da più di quindici anni si occupa di disagio giovanile, con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi e aprire un dibattito sui rischi connessi all’uso di sostanze. 
Sensibili al tema, i Lions lodigiani, da oltre dieci anni collaborano con WeFree organizzando incontri tra i ragazzi della comunità e gli studenti delle scuole superiori del territorio, convinti che informare i giovani sul pericolo derivante dall’uso di droghe, anche di quelle talora definite droghe “leggere”, sia compito assolutamente prioritario. Come scriveva Vincenzo Muccioli, fondatore della comunità di San Patrignano, ”la nostra vita, per non essere fine a se stessa e perdere di senso, deve adoperarsi anche per il benessere di chi può assicurare alla nostra società prospettive future. E questi sono i giovani”. 
Informazione, quindi, necessaria, competente e chiara. Si potrebbe obiettare: perché ricorrere al format “#Chiaroscuro”? La risposta sta nella difficoltà, troppe volte evidenziata, di riuscire a farsi ascoltare dalle nuove generazioni. I percorsi teatrali realizzati da San Patrignano riescono proprio in questo: ragazzi giunti alla fine del loro cammino si raccontano ai loro coetanei e, attraverso un invisibile e sottile filo emotivo, il loro messaggio arriva forte e chiaro.
#Chiaroscuro” si presenta come un vero e proprio prodotto cinematografico in cui tre ragazzi che hanno svolto il percorso di recupero in comunità e oggi si sono reinseriti, Melita, Federico e Carolina, raccontano la loro storia, i loro errori, la fatica di rialzarsi e la gioia per una vita ritrovata. Compagno di viaggio l’attore Francesco Apolloni, filo conduttore fra i loro racconti. 
Dopo la visione del documentario, gli studenti hanno potuto prendere parte all’incontro online con Carolina, una dei protagonisti, e con altri ragazzi di San Patrignano ascoltando la loro testimonianza raccontata con semplicità e sofferta lucidità. Nelle loro storie, l’approdo alla tossicodipendenza con l’uso di sostanze ritenute “innocue”, la necessità di aumentare inevitabilmente il loro dosaggio per poi passare all’ impiego di droghe pesanti in una spirale apparentemente infinita. Infine, la svolta e, dopo un lungo percorso in comunità, la possibilità di riprendere in mano la propria vita. Il dibattito, moderato dalle giornaliste Angela Iantosca e Micaela Palmieri, ha toccato molti temi difficili ma di grande coinvolgimento.
Pur consapevoli della complessità del problema “dipendenze”, i Lions lodigiani sono convinti che anche interventi come questo siano un modo di mettere in pratica il nostro “We serve” e si augurano che le parole dei tre ragazzi possano essere una buona semina in un terreno fertile. 

18/04/2021
Lions DAY 2021 - I^ Circoscrizione

Lions DAY - 18 aprile 2021
Governatore 2020-2021 – Lions Cesare Senzalari

Con il contributo dei Lions Club della I^ Circoscrizione - Zone A e B

  • L.C. Lodi Host
  • L.C. Lodi Torrione
  • L.C. Lodi Quadrifoglio
  • L.C. Lodi Europea
  • L.C. Ager Laudensis New Century
  • L.C. Codogno Casalpusterlengo
  • L.C. Sant’Angelo Lodigiano
  • L.C. Colli di San Colombano al Lambro
  • L.C. Lungopo’ Lodigiano
  • L.C. Lungo Adda Lodigiano
  • L.C. San Rocco al Porto e Basso Lodigiano
  • L.C. Castelgerundo
  • LEO Club Lodi Barbarossa
     

Ecco cosa fanno 13 Club al servizio delle persone... #WeServe

Lions DAY - 18 aprile 2021
27/02/2021
UN ULIVO PER PERPETUARE LA MEMORIA DEL COVID
  • L.C. Codogno-Casalpusterlengo 
  • L.C. Lungopo Lodigiano

A Codogno, nel “Giardino della Memoria”, da poco inaugurato a ricordo delle vittime del Covid e della prima Zona Rossa d’Italia, Sabato 27 febbraio, i L.C. Codogno-Casalpusterlengo, con il presidente Giuseppe Stringhini, e Lungopo Lodigiano, con la presidente Maria Grazia Tondini, alla presenza di Cesare Senzalari, Governatore del Distretto 108Ib3,  del sindaco di Codogno, Francesco Passerini e di Don Antonello Martinenghi, in rappresentanza delle 4 parrocchie della città, hanno partecipato alla piantumazione di un albero d’ulivo, voluto a testimoniare la presenza dei Lions sul territorio e il loro ricordo della pandemia. Giuseppe Stringhini ha sottolineato: “L’Ulivo ha radici forti, come quelle che vogliamo avere noi Lions. La sua presenza qui è come la nostra”.
Il sindaco ha descritto il Giardino della Memoria quale luogo dove guardare alla ripartenza, luogo di tutti per un pensiero, una parola, una preghiera. 
L’ulivo e il melo cotogno, piantato a poca distanza a simboleggiare la città, stanno insieme per le generazioni future per testimoniare quanto accaduto e per insegnare loro a guardare avanti. Guardare alle opportunità per riscoprire lo spirito di vicinanza, di comunità.
Don Antonello Martinenghi ha poi ricordato che l’ulivo è simbolo di fortezza ed eternità. L’eternità è strettamente legata alla memoria, che va conservata e perpetuata. Ha quindi dedicato un pensiero particolare ai giovani, che sono coloro che più soffrono per le restrizioni e per la mancanza quasi totale delle relazioni umane.
Cesare Senzalari, si è associato a quanto detto da chi l’ha preceduto e ha ricordato: “Dove c’è un bisogno, c’è un Lions”, oggi vero più che mai. Ed ha aggiunto: “I Lions sono sempre presenti sul territorio. Nel 2020 sono stati donati 6 Milioni di euro distribuiti sul territorio italiano, fra cui la postazione sub intensiva dell’ospedale di Codogno”. Ha auspicato inoltre che la buona collaborazione con le amministrazioni comunali possa continuare sempre.
Maria Grazia Tondini ha infine descritto l’anno passato non come un anno vuoto e privo d’iniziative. Al contrario, il 2020, diversamente da quanto si possa pensare, è stato un anno intessuto di relazioni, durante il quale è stato riscoperto con nuovo slancio il valore di aiutare gli altri. Non svuotato quindi, ma ricco di solidarietà concreta.
A conclusione della cerimonia, i due presidenti di club e il Governatore hanno legato un nastro con il logo Lions ai rami dell’ulivo, accompagnati dalla fresca brezza di una giornata quasi primaverile.

Maria Vittoria Falchetti

03/02/2021
“L’OPERAZIONE SCUOLA” DELLA I^ CIRCOSCRIZIONE
  • L.C. Lodi Host
  • L.C. Lodi Torrione
  • L.C. Lodi Quadrifoglio
  • L.C. Ager Laudensis New Century
  • L.C. Codogno Casalpusterlengo
  • L.C. Sant’Angelo Lodigiano
  • L.C. Colli di San Colombano al Lambro
  • L.C. Lungopo’ Lodigiano
  • L.C. Lungo Adda Lodigiano
  • L.C. San Rocco al Porto e Basso Lodigiano
  • L.C. Castelgerundo
     

Si è conclusa da pochi giorni “l’operazione scuola”, organizzata dai Lions Club della I^ Circoscrizione con l’intento di fornire un aiuto concreto agli istituti scolastici e agli studenti, che vivono, com’è ben noto, momenti di grande difficoltà a causa della pandemia, grazie alla quale sono stati donati ottanta apparati elettronici.
L’iniziativa, che ha avuto una connotazione corale, avendo coinvolto ben undici club della città di Lodi e del Lodigiano, si è concretizzata dopo aver consultato con un’indagine a tutto campo i dirigenti dei diciotto Istituti Comprensivi del Lodigiano e averne ricevuto una risposta chiara e concreta: in testa alla classifica delle richieste è risultata la necessità di incrementare la disponibilità di dispositivi elettronici.
Commovente la testimonianza di una dirigente, che ha spiegato come il tablet non sia solo indispensabile per la didattica, ma anche per la semplice comunicazione con gli insegnanti da parte di alcuni dei centoventi ragazzi disabili presenti nel suo istituto.
Significativo il titolo dato al service in questione dai quattro Lions club di Lodi partecipanti, della Zona A, “Adottiamo una scuola”, e dai sette club della Zona B, “Adotto una scuola per una didattica a distanza integrata”, dove nessun verbo meglio di “adottare” poteva dare il senso dell’attenzione che i Lions da anni rivolgono ai giovani e, in particolare, al mondo della scuola, ma anche dell’urgenza di un intervento che fosse il più possibile sollecito.
Anche gli incontri coi dirigenti scolastici hanno avuto un particolare rilievo, consentendo un confronto diretto con i Lions ed un’informazione precisa sulle criticità che affliggono il mondo della scuola.
Molti dirigenti si sono poi detti interessati sia al concorso sull’ambiente, riproposto da alcuni club della I^ Circoscrizione nella seconda edizione, dopo il successo riscosso lo scorso anno, sia al service che promuove la raccolta di occhiali usati per mezzo di contenitori che verranno posizionati nelle scuole.
Iniziative queste indirizzate tutte a destare l’interesse dei ragazzi nei confronti di comportamenti socialmente validi e a richiamare l’attenzione verso realtà diverse dalle loro, in questo motivati proprio dalle difficoltà affrontate e dalla maggior sensibilità acquisita nel momento attuale.

M. L.

14/11/2020
IN UN LIBRO LA VITA DEI GIOVANI AL TEMPO DEL PRIMO LOCKDOWN

Una testimonianza preziosa e struggente quella offerta dagli studenti dell’Istituto A. Volta di Lodi grazie a un concorso indetto dalla scuola e intitolato “il Volta ai tempi del Coronavirus”, aperto anche ai genitori e al personale scolastico.

I temi, le poesie e gli elaborati grafici sono stati raccolti in un libro edito anche con il contributo dei Lions della I^ Circoscrizione, che non potevano perdere l’occasione di offrire un’ennesima prova di attenzione verso il mondo dei giovani e della scuola.

Il concorso, indetto lo scorso marzo in pieno lockdown, è stato di stimolo per riflessioni profonde, sofferte, e ha consentito di fotografare paure, solitudini, angosce, ma anche speranze e un altro modo di rapportarsi al futuro attraverso l’esperienza del dolore.
Una nuova consapevolezza ha guidato gli autori alla riscoperta di ciò che è veramente importante, come la famiglia e l’amore per il proprio Paese, ma anche il rapporto con i propri insegnanti e la scuola stessa. 

Alla presentazione del libro, che ha suscitato l’interesse del Ministero dell’Istruzione, ha partecipato anche il Governatore del Distretto 108ib3, Cesare Senzalari, che si è detto ammirato per il lavoro svolto dai ragazzi che “offrono spunti e considerazioni autentiche, non contaminate da fattori esterni”. Ha poi sottolineato come la scelta della scuola di coinvolgere i Lions in questo progetto valga quale dimostrazione dell’apprezzamento di una collaudata collaborazione e ha ricordato che: “Giovani e scuola sono due delle cinque aree d’intervento su cui i Lions operano sistematicamente”, dando il via a iniziative sempre al passo coi tempi.

Leggere il libro significa immergersi in un mondo denso di emozioni, di coraggio nell’esprimerle e colmo di una sorprendente maturità.

M.L.

09/11/2020
PREMIATO DA LIFEBLITY 2020 UN ARTO ELETTRO-MECCANICO PER DISABILI

Lunedì 9 novembre 2020 i Soci dei Lions Club della I Circoscrizione e del Leo Club Lodi Barbarossa hanno avuto la possibilità ed il piacere di conoscere il Team vincitore del concorso LIFEBILITY 2020, un service sostenuto con grande soddisfazione da molti anni dal Lodi Host, tramite il referente Federico Maisano, durante un incontro avvenuto, naturalmente, in modalità online, con la presenza di Enzo Taranto, Presidente dell’associazione.

I vincitori di quest'anno con il progetto Pick-it-up, un arto elettro-meccanico che permette di raccogliere oggetti da terra senza il bisogno di piegarsi, sono Giorgio Busa, Federica Ricciardi, Stefano Sella, Manuel Fiorino e Zakaria Mountassir, studenti della classe IV dell'IPSIA G.B. Garbin di Thiene (VI), coordinati dal prof. Pierpaolo Gazzin, tutor Paolo Zappa. Come recita la motivazione “sono stati premiati l’impegno e la determinazione di un gruppo molto giovane, che ha dimostrato di essere ben integrato ed organizzato internamente”. 

Tutto nasce dalle difficoltà nel raccogliere oggetti da terra lamentate da un amico disabile del prof. Gazzin, il quale ha pensato di coinvolgere cinque ragazzi della scuola, invitandoli a esaminare il problema e a cercarne la soluzione.

Con il loro progetto, quindi, gli studenti hanno voluto affrontare una situazione per molti banale ma che, per chi dipende dalle stampelle o è limitato nei movimenti, soprattutto nel lungo periodo, rappresenta un grosso problema. Pick-it-up si può montare su stampelle o bastoni da passeggio senza l’utilizzo di alcun attrezzo e permette di raccogliere oggetti senza il bisogno di piegarsi, cosa che per alcuni portatori di handicap motorio richiede un significativo sforzo.

Caratteristica vincente è l'originalità della proposta progettuale nel mercato, ma il grandissimo punto di forza è rappresentato dalla maggior indipendenza del fruitore di Pick it up.

Tutte le fasi canoniche della progettazione più innovativa sono state seguite: dall’analisi di mercato, grazie alla quale è stato riscontrato che i prodotti più simili a Pick it up sono pinze pieghevoli non motorizzate e non integrabili a una stampella, al planning delle tempistiche dello sviluppo del prototipo, dell’individuazione dei potenziali clienti, del collaudo, del brevetto e, ovviamente, dei costi. Durante l’incontro i Lions partecipanti hanno potuto dare alcuni interessanti consigli ai giovani ospiti e al loro eccezionale prof, di cui si è apprezzata la passione, l’amore per i suoi studenti e l’entusiasmo con cui ha seguito il loro lavoro. Sicuramente l’aver partecipato al concorso per Lifebility, conosciuto grazie all’Informa Giovani del Comune di Thiene, cui va un grande plauso, può aprire ai ragazzi e al progetto anche le porte del mondo Lions, con tutte le molteplici opportunità che può offrire come, ad esempio, il supporto al progetto della CCIAA di Vicenza, sollecitato dalla Lion Elena Appiani, nuovo Direttore Internazionale.

Alla conclusione della serata Federico Maisano ha dato un aggiornamento sul progetto CORAL BOX, premiato nell’ambito di LIFEBILITY 2019, che è stato sperimentato in Africa in varie situazioni e quindi procede nel suo sviluppo. E’ proprio questo che piace di Lifebility: riconosce, premia e sostiene l'imprenditorialità di giovani che utilizzano fantasia, creatività, ingegno a favore di chi, per vari motivi, è in uno stato di bisogno. 

Silvana Anzellotti

01/10/2020
“WE SERVE” NON PUÒ ESSERE VIRTUALE

Durante questi ultimi nove mesi tutti hanno imparato che le difficoltà improvvise portano certamente tanto disagio, paura e preoccupazione. D’altro canto, vengono in aiuto risorse e capacità che forse nessuno credeva di avere.
Il lavoro da casa diventa quasi normale, così come le riunioni virtuali.

Ecco, dunque, per il L.C. Codogno-Casalpusterlengo un’annata lionistica davvero particolare, contraddistinta dal ritrovarsi virtualmente, dall’ascoltare i messaggi del Presidente o dei soci via chat, dove tutti cercano di mantenere viva la convivialità di sempre.

“We serve” non può però essere virtuale, soprattutto quando le necessità si moltiplicano.
Non ci si deve dimenticare che Codogno si trova nel centro di quella che è stata la prima zona rossa d’Italia, chiusa immediatamente il 21 febbraio.
Così il Codogno-Casalpusterlengo, insieme ai L.C. Lungo Po Lodigiano e San Rocco al Porto Basso Lodigiano, si attivano sin dall’inizio di marzo per reperire dispositivi per la protezione individuale quali mascherine e guanti monouso da distribuire a medici e pediatri di base del Lodigiano, alla CRI, alla Protezione Civile e ad alcune scuole.

Durante l’estate il virus sembra dare un po’ di tregua e permette al Club di trovarsi per la conviviale di chiusura e alla successiva di apertura all’inizio di ottobre, due occasioni importanti per sentire rafforzato lo spirito lionistico.

Ora che si è costretti ad un altro lockdown, e soprattutto lo sono le scuole che possono proseguire le lezioni solamente con la didattica a distanza, giungono al Club segnali di difficoltà di molte famiglie che non sono in possesso degli strumenti necessari per seguire le lezioni. Nuovamente i Club della zona riescono a fornire tablet e computer alle scuole, che provvederanno a farli avere a chi ne ha fatto richiesta.
La distanza, ancora una volta, viene miracolosamente annullata.

Maria Vittoria Falchetti